Pages

lunedì 27 febbraio 2012

Un diamante da Tiffany

Inizio dicendo che a volte è il caso di ricordare –se non il titolo del libro- almeno la copertina. Perchè? Perchè ultimamente ci sono un sacco di “Tiffany” nei titoli dei libri: il classico Colazione da Tiffany di Truman Capote, Un diamante da Tiffany che è quello di cui vi parlo oggi, Un anello da Tiffany di Lauren Weisberger (l’autrice de Il diavolo veste prada), Un regalo da Tiffany di Melissa Hill, Una ragazza da Tiffany di Susan Vreeland, Colazione da Tiffany Trott di Isabel Wolff… e questi per citarne alcuni tra i più conosciuti/recenti!! Decisamente inflazionato il nome di Tiffany, come quello della Austen… Come se la loro menzione nel titolo sia garanzia di qualcosa di bello, romantico, favoloso.

Beh, smentiamo subito questa frase! Parlando con una ragazza di anobii ecco che si parla subito di libri diversi, basta confondersi sul titolo e le recensioni sono diverse. Tiffany è presente in tutti e due, cambia solo l’oggetto: il diamante nel mio caso, l’anello nell’altro. Il mio l’ho trovato adorabile, il suo noioso e “un disastro”.

Un diamante da Tiffany

  • Autore: Karen Swan
  • Traduttore: Visconti R.
  • Editore: Newton Compton
  • Collana: Anagramma
  • Data di Pubblicazione: Novembre 2011
  • ISBN: 8854136514
  • ISBN-13: 9788854136519
  • Pagine: 509
  • Formato: rilegato
  • Reparto: Narrativa

New York, Parigi, Londra: quale sarà la città per iniziare una nuova vita? Cassie ha appena lasciato il marito, dopo aver scoperto la terribile verità su un matrimonio che pensava perfetto. Sa che è il momento di voltare pagina e ricominciare. E allora, quale migliore aiuto di quello che possono offrirle le sue preziose amiche d'infanzia? Kelly, Anouk e Suzy, brillanti, alla moda e vitali, sono pronte a ospitarla e a farle vivere l'atmosfera glamour della Grande Mela, la passione e la seduzione della Ville Lumière e la frenesia londinese. In un viaggio alla scoperta di una se stessa che non conosceva, Cassie vivrà le esperienze più diverse: lavorerà con acclamati stilisti newyorkesi e parigini, poserà per un quotato fotografo, prenderà lezioni di cucina da un famoso chef e organizzerà matrimoni. Ad attenderla, al suo arrivo in ogni città, c'è una strana lista di cose da fare... Qualcuno che conosce da tanto tempo la compila per lei. Qualcuno che le fa trovare una sorpresa speciale sotto il grande albero di Natale nello scintillante negozio di Tiffany. Qualcuno che le regala dei semi di fiori, ogni volta diversi, da piantare e far crescere, come in un romantico messaggio cifrato. Il destino ha in serbo per lei la tanto attesa scatolina blu? E se un giorno il passato lasciato alle spalle dovesse all'improvviso tornare?

Questo libro mi è piaciuto tantissimo, diverso da quelli che sono i classici chick-lit alla Kinsella o che narrano di ochette a cui va tutto storto e che per caso o per volontà si scelgono il buon partito con cui stare.
No, questo è diverso. La protagonista, Cassie, inizialmente timida insicura e depressa per la fine del suo matrimonio cresce e matura durante il libro, arrivando alla fine ad essere sicura e decisa su ciò che vuole.
Ho adorato le sue vicende in giro per il mondo, dalla più modaiola New York all'elegante Parigi alla caotica Londra. I cambiamenti che le amiche apportavano alla sua figura e al suo modo di essere, a ciò che guadagnava o perdeva di volta in volta.

E ovviamente non può mancare quello che è una tenera e romanticissima fine.

C.

2 commenti:

Laura Mint ha detto...

Ciao! Mi sono unita ai tuoi follower perchè il tuo sito mi piace molto! :) Anche io ho un blog, di marketing letterario, sarei felice se decidessi di passare da me e addirittura diventassi mia follower anche tu! :) Buona serata!

patalice ha detto...

l'ho letto anche io... gradevole, soprattutto forse perché me lo sono letta spaparanzata sotto il sole di Abu Dhabi, però sinceramente discostarlo poi così tanto alla Kinsella non mi sembra cosa giusta... dai, è sulla falsa riga e forse la ricerca nelle parole non è neppure così "sottile"...

Posta un commento